Thursday, November 11, 2004

Gli anni Settanta? Sì, grazie.



Against the Seventies, cantava Eddie Vedder in un mitico brano di Mike Watt di qualche anno fa. Eppure gli anni Settanta, musicalmente parlando, sono stati un decennio di grandissime innovazioni e sperimentazioni. Come dimostra il periodo elettrico dell'immenso Miles Davis, i cui album dal '69 al '73 non hanno smesso di girare nel lettore nei mesi scorsi: difficile non farsi conquistare dalla bellezza pura e cristallina di In A Silent Way, dalla fisicità rock di A Tribute To Jack Johnson, e dal mantra funk di On The Corner (per non citare le Bitches Brew Sessions). Nello stesso periodo, la confraternita freak teutonica dei Can fondava nei primi quattro, strepitosi album (1969-72) i modelli del rock alternativo dei trent'anni successivi, ponendo le basi del suono di Sonic Youth, Blonde Redhead, Primal Scream, dEUS, Motorpsycho, e tanti altri. Mother Sky (da Soundtracks, 1970) è forse il miglior brano rock di tutti i tempi. Farsi sfuggire le splendide ristampe appena pubblicate sarebbe un delitto contro la storia e contro se stessi.

1 Comments:

Anonymous Anonymous said...

I blog quite often and I really apprеcіate
youг content. Your article hаs really peaked mу interеst.
I am going to bookmark your blοg and κeеp checκing for new ԁetаils about оnсe a weeκ.

I οpted in for уour RЅS feеd too.


Here іs my ωeb-site DiamondLinks.net review

March 27, 2013 at 1:50 PM  

Post a Comment

<< Home